Home » Politiche Sociali » Coop rilancia la sua campagna per l’ambiente “Un mare di idee per le nostre acque”

Coop rilancia la sua campagna per l’ambiente “Un mare di idee per le nostre acque”, giunta al terzo anno. Novità del 2022: un inedito e potente dispositivo “mangiarifiuti”, droni per la raccolta di superficie e squadre di sub per quella in profondità. Prosegue poi la collaborazione con la barca Anywave, sperimentatrice della figura del Reco (responsabile ecologico di bordo), entrano in squadra nuovi testimonial come il giornalista Filippo Solibello e la tuffatrice olimpica Tania Cagnotto. Si parte, a giugno, da Genova dove si battezza la campagna e si chiude, a ottobre, con la Barcolana, la regata più grande d’Europa, dopo i successi della barca dei dipendenti Coop nel 2021.

Ritorna per il terzo anno consecutivo la campagna di Coop per l’ambiente “Un mare di idee per le nostre acque” piena di novità. Si parte il 7 giugno da Genova, là dove era stato installato nel 2019 il primo Seabin, con il debutto di due nuovi dispositivi per la raccolta della plastica in mare. Grazie alla collaborazione con il partner scientifico di Coop, LifeGate e il suo programma PlasticLess, saranno messi in azione sul molo della Marina Genova a Sestri Ponente il Trash Collec’Thor (un nuovo aspirarifiuti del mare) e il Pixie Drone (drone cacciatore di rifiuti negli specchi acquei dei porti), entrambi mai presentati in Italia e disponibili oggi solo in altri cinque paesi (Francia, Grecia, Italia, Canada e Usa). Il Trash Collec’Thor è il nuovo dispositivo “mangiaplastica” che cattura diversi tipi di rifiuti galleggianti come bottiglie di plastica, sacchetti, mozziconi, ma anche idrocarburi e microplastiche fino a 3 mm di diametro. Attivo 7 giorni su 7, il suo nome contiene anche quello del fortissimo dio del tuono, perché la capienza arriva infatti fino a 100 kg (un argano ne facilita il sollevamento una volta pieno). Il Pixie Drone invece è uno strumento che navigando esplora piccole aree di mare o di lago, a caccia dei rifiuti plastici che galleggiano lontano dai punti di accumulo dei pontili. Telecomandato da una distanza di 500 metri, può raccogliere fino a 60 kg di rifiuti: dalla plastica all’organico, dal vetro alla carta, ai tessuti. Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Ispra, più del 70% dei rifiuti in mare è depositata nei fondali italiani e il 77% è plastica. Ecco quindi che a fianco di tecnologie innovative la mano dell’uomo può fare la differenza. In questa edizione, accanto ai nuovi dispositivi mangia rifiuti, sarà anche presente un team di sub esperti che il 6 giugno hanno realizzato la prima operazione. Guidati da Emilio Mancuso, biologo marino di LifeGate, sub e presidente di Verdeacqua (associazione ambientalista specializzata nell’educazione sulla salvaguardia degli ecosistemi marini) un team di 7 sommozzatori tra cui un fotografo e un videoperatore marino hanno ripulito dai rifiuti il fondale di Santa Teresa filmando quanto ritrovato. Il giorno dopo Genova sarà il momento cli Venezia, dove prosegue la collaborazione con Findus già avviata nel 2021 quando ha aderito, primo tra i partner commerciali, alla campagna “Un mare di idee per le nostre acque”, adottando 1O Seabin. Saranno attivati due nuovi dispositivi all’Isola della Certosa e a Rimini. Findus presenterà inoltre Fish for Good, manifesto che riassume l’impegno per la salvaguardia degli Oceani. Tappa in autunno sul litorale tirrenico a Castiglione della Pescaia e si chiude in ottobre a Trieste dove i sub ripuliranno i fondali dell’Area Marina Protetta di Miramare.

“Proteggere i nostri mari è un impegno che ci siamo assunti anni fa. Proprio qui a Marina Genova a Sestri Ponente nel 2019, avevamo posizionato il nostro primo Seabin e l’anno dopo un secondo che, grazie all’attenzione e cura costante del personale del porto, sono stati capaci di raccogliere il triplo dei rifiuti, in peso, rispetto alla media – assicura Maura Latini, amministratrice delegata Coop Italia intervenuta all’evento di Genova – Da un lato ci occupiamo di rendere la pesca il meno invasiva possibile aderendo alle varie certificazioni, riduciamo la plastica che utilizziamo negli imballaggi e che potrebbe finire in mare, alleviamo i nostri pesci nel rispetto dell’ecosistema che ci ospita. Accanto a questo però abbiamo scelto di occuparci anche cli quella plastica che in mare ci è già finita e che minaccia l’ecosistema marino.

Dall’inizio della campagna fino ad oggi (dati al 31 maggio), sono stati raccolti quasi 32 tonnellate di rifiuti pari al peso di oltre 2 milioni di bottiglie da mezzo litro che se messe in fila eguaglierebbero la distanza tra Torino e Firenze (circa 400 chilometri)”.

“In Liguria sono già state già raccolte oltre 10 tonnellate di rifiuti pari al peso di quasi 700 mila bottiglie da mezzo litro – dichiara Roberto Pittalis, presidente Coop Liguria – La nostra regione ha fatto da apripista al progetto nazionale “Un mare di idee per le nostre acque” e siamo contenti che i primi due Trash Collec’Thor e Pixie Drone siano stati installati proprio a Genova, città che ha da sempre un legame fortissimo con il mare. Nell’ambito dell’impegno di Coop per l’ambiente, anche in Liguria vengono proposti ogni anno decine di incontri ai ragazzi delle scuole sulla tutela dell’acqua, la biodiversità e l’inquinamento da plastica, e sono attive diverse collaborazioni con associazioni ambientaliste locali.

Tutela dei mari che passa anche dall’educazione alla sostenibilità. Al fianco di Coop anche nel 2022 la barca da regata Anywave la prima ad aver istituito a bordo la figura del “RECO” Responsabile ecologico e ad aver stilato un Decalogo di comportamenti da cui non derogare sia in navigazione che nelle fasi di attracco nei porti. Figura inserita anche nel. regolamento per l’iscrizione all’ultima edizione di Barcolana lo scorso ottobre. Anche nel 2022, come lo scorso anno, l’imbarcazione guidata dallo skipper Alberto Leghissa seguirà le varie tappe e avrà una funzione di supporto educational aprendosi alle visite di soci, consumatori, scuole.

Al fianco di Coop anche testimonial noti per il loro impegno nella salvaguardia dei mari e la loro passione per l’ambiente come Filippo Solibello, speaker radiofonico di Caterpillar, divulgatore scientifico, autore del libro “SPAM Stop Plastica A Mare”, e Tania Cagnotto campionessa olimpica unica donna italiana ad aver vinto una medaglia d’oro mondiale nei tuffi, oltre ad essere la tuffatrice europea con il maggior numero di podi in carriera.

“È fondamentale non abbassare la guardia e mantenere sempre alta. l’attenzione delle pubbliche amministrazioni, delle aziende e delle persone sul tema dell’inquinamento da plastica nei mari – commenta Simone Molteni, direttore scientifico di LifeGate – con le due nuove tecnologie proposte da LifeGate PlasticLess, scelte dopo tre anni di scouting a livello internazionale, vogliamo confermare il nostro impegno concreto per avvicinarsi sempre di più a una soluzione”.

Guarda il video della campagna ” Un mare di idee per le nostre acque” https://youtu.be/qvmtbZnBydM